Mar 19, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Ritorno in Iran

Ho letto: Ritorno in Iran

iranConfesso che lo avevo scelto perché pensavo fosse biografico, quando ho scoperto che lo è solo in parte e che non è dato sapere quale, la magia si è un po’ dissolta… Sicuramente interessante per conoscere un poco una cultura diversa. E’ un libro che celebra le donne e denuncia potere e ingiustizie in un paese il cui popolo è tra i più amati al mondo, ma gestito in modo contradditorio e ambiguo.

Un quarantenne regista curdo-iraniano, apolide e diviso tra due mondi, sta lavorando a Roma a un ambizioso film sull’immigrazione prodotto dal ministero per i Beni e le Attività culturali. Riceve una telefonata destinata a cambiare il corso della sua già travagliata esistenza, la voce della madre lo costringe a tornare nel suo Paese.
Ma il ritorno in Iran si rivela molto diverso da come lo aveva immaginato: invischiato suo malgrado in un mondo di cui quasi non riconosce più le dinamiche, e come sospeso in un tempo surreale, il passato torna sotto forma di condanna, di circolo vizioso, dove anche i sentimenti più puri non trovano spazio e la verità, a lungo temuta e nascosta, si palesa in tutta la sua violenza beffarda e sconvolgente.

Mar 9, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Ananda

Ho letto: Ananda

andUn nuovo autore della mia città! Come non esserne incuriositi? E’ una raccolta di racconti che si svolgono sulla Terra dopo tre grandi catastrofi, di ambientazione fantasy. Non è un libro facile, trovare il denominatore comune tra i vari racconti implica uno sforzo notevole. Alcuni racconti sono molto intensi e mi sono piaciuti, altri un po’ dispersivi, ma se volete qualcosa di diverso sicuramente è una lettura che non vi deluderà.

Tre furono gli eventi catastrofici che sconvolsero l’umanità: l’ultima grande guerra, che devastò migliaia di città in tutto il globo, un batterio che mise a dura prova i superstiti e la grande pioggia, che cadde per tredici mesi e travolse le comunità sulle coste. Quando la pioggia cessò e le acque si ritirarono, i pochi sopravvissuti erano ormai stremati.

Feb 27, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Materiali per la vita

Ho letto: Materiali per la vita

materialUn libro avvincente, semplice e alla portata di tutti, ma scritto con grande competenza. Consigliatissimo!

La scienza dei materiali è una disciplina affascinante e misteriosa. Capire di cosa sono fatte le sostanze che ci circondano, quale sia la loro struttura chimico-fisica e la tecnologia che le produce è un’avventura appassionante. Esiste poi un’intera classe di materiali del tutto speciale: sono quelli che inseriamo nei nostri corpi per vivere meglio. In alcuni casi, proprio per poter continuare a vivere. Li chiamiamo biomateriali e hanno una storia peculiare, fatta di ricerche pionieristiche e visionarie, di svolte scientifiche inaspettate, esperimenti eroici e, in più di un caso, di sfacciata fortuna. I nostri tessuti, normalmente, non amano i corpi estranei, ma i biomateriali aggirano le difese dell’organismo ed è proprio a loro che è dedicato questo libro.

Feb 27, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Dolce è la vendetta SPA

Ho letto: Dolce è la vendetta SPA

dolce

Come sempre i libri di Jonasson sono divertenti e i personaggi così surreali da sembrare veri. Uno spasso. I sui 3 libri più brillanti però restano sempre Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve e Il centenario che voleva salvare il mondo. A ruota segue L’analfabeta che sapeva contare. Buone risate!

Victor Svensson è un esperto d’arte ambizioso e senza scrupoli. Lavora in una grande galleria e il suo progetto è di impossessarsene sposando la figlia del proprietario, Jenny. Il suo piano perfetto va in crisi quando scopre di avere un figlio adolescente di origini africane, Kevin. Per non rovinarsi la reputazione Victor, che non ama gli stranieri, si libera del ragazzo durante un viaggio in Kenya, abbandonandolo nella savana nella speranza che i leoni lo alleggeriscano da quel fastidioso problema…

Feb 15, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: La stazione

Ho letto: La stazione

stazSarà stata l’ambientazione “locale” (stazione centrale di Milano) o sarà stato il fascino di leggere un nuovo autore italiano, ma questo romanzo mi è piaciuto moltissimo! La terza parte per essere onesti non l’ho trovata all’altezza del resto del libro, ma in ogni caso una degna conclusione. Mi sono gustato ogni pagina e mi è dispiaciuto finirlo. Assolutamente consigliato agli amanti di thriller. 

Milano, aprile 2003. Riccardo Mezzanotte, un giovane ispettore dal passato burrascoso, ha appena preso servizio nella Sezione di Polizia ferroviaria della Stazione Centrale. Insofferente a gerarchie e regolamenti e con un’innata propensione a ficcarsi nei guai, comincia a indagare su un caso che non sembra interessare a nessun altro.

Feb 1, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Le avventure di Arséne Lupin

Ho letto: Le avventure di Arséne Lupin

lupinDivertentissimo! Un personaggio arguto e un libro molto moderno, nonostante l’età. Io della generazione cresciuta con il cartone animato ero troppo curioso… non sono rimasto deluso! La saga continua, in questa raccolta ci sono i primi racconti…

Che sorta di “ladro” è Arsène Lupin? “Ladro gentiluomo” è la definizione, coniata dall’autore stesso per il primo volume del ciclo, dell’affascinante e irraggiungibile Lupin, amato dalle donne, ammirato dagli uomini, idolatrato dai giovani. L’affascinante Arsène è anche conosciuto come “il Robin Hood della Belle Époque”, e l’abbinamento è legittimo, tranne che per un particolare: Lupin non ha armi se non la propria intelligenza, perspicacia, intuizione.

Feb 1, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: La canzone di Achille

Ho letto: La canzone di Achille

achillMi sono fidato ciecamente della classifica…la quarta di copertina la leggo raramente per massimizzare la sorpresa… ho preso una cantonata micidiale. Bravissima l’autrice, per carità… ma mi aspettavo lacrime e sangue. Invece mi son ritrovato per le mani un romanzo rosa omosessuale che non è il mio genere (con il massimo rispetto). A voi la scelta.

Dimenticate Troia, gli scenari di guerra, i duelli, il sangue, la morte. Dimenticate la violenza e le stragi, la crudeltà e l’orrore. E seguite invece il cammino di due giovani, prima amici, poi amanti e infine anche compagni d’armi – due giovani splendidi per gioventù e bellezza, destinati a concludere la loro vita sulla pianura troiana e a rimanere uniti per sempre con le ceneri mischiate in una sola, preziosissima urna

Gen 28, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: La casa senza ricordi

Ho letto: La casa senza ricordi

carrisrSe leggete il mio blog, sapete che io amo Carrisi, forse l’unico autore che ho seguito dall’inizio e comprato ogni suo libro non appena è uscito. Avvincente, focus sulla trama ma la scrittura non è mai banale, personaggi approfonditi quanto basta, temi stuzzicanti spiegati e lasciati al lettore senza essere prolisso in modo inutile, insomma un maestro nel suo genere (thriller-horror). Ti lascia gli elementi per anticipare il colpo di scena e farti sentire soddisfatto, ma poi ti sorprende comunque. L’affabulatore è molto vicino al Suggeritore come tipologia di personaggio ma non mi dispiace perchè li trovo personaggi geniali. Vi avviso che Carrisi segue diversi cicli nei suoi libri, questo è il secondo capitolo della serie “l’addormentatore di bambini” e la storia non finisce qui…

Un bambino senza memoria viene ritrovato in un bosco della Valle dell’Inferno, quando tutti ormai avevano perso le speranze. Nico ha dodici anni e sembra stare bene: qualcuno l’ha nutrito, l’ha vestito, si è preso cura di lui. Ma è impossibile capire chi sia stato, perché Nico non parla. La sua coscienza è una casa buia e in apparenza inviolabile. L’unico in grado di risvegliarlo è l’addormentatore di bambini. Pietro Gerber, il miglior ipnotista di Firenze, viene chiamato a esplorare la mente di Nico, per scoprire quale sia la sua storia

Gen 28, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Canto per Europa

Ho letto: Canto per Europa

rumiz

Mi avevano avvisato che questo autore non era facilmente avvicinabile. Ci vuole parecchia energia per riuscire a seguire questa storia fantastica, un po’ la mia ignoranza, un po’ forse un momento non proprio disteso, mi hanno reso impossibile apprezzarlo pienamente.

Una giovane siriana, profuga di guerra, fugge sulla barca a vela di quattro uomini assetati di miti. La ragazza si chiama Evropa. Da quel momento la leggenda della principessa fenicia rapita sulla costa del Libano da Giove trasformatosi in toro si intreccia con gli eventi del Mediterraneo di oggi: emigrazioni, secessioni, conflitti, turismo di massa. Ingravidata in sogno dal re degli dèi, la ragazza riesce a sbarcare in Italia dopo infinite avventure e a dare il suo nome alla Terra del Tramonto, che però non riconosce in una figlia dell’Asia la Grande Capostipite.

Gen 24, 2022 - Libri    Commenti disabilitati su Ho letto: Fiore di roccia

Ho letto: Fiore di roccia

fiorHo letto tutto di Ilaria Tuti finora e anche se questo romanzo non fa parte della serie del commissario Teresa Battaglia, ero ansioso di leggerlo perché questa donna sa scrivere davvero bene. Questo libro è intriso di poesia, tragica ma coraggiosa. Ispirato a fatti realmente accaduti si capisce che per l’autrice è “un libro del cuore” e ci teneva a scriverlo. E io sono felice di averlo letto.

Quelli che riecheggiano lassù, fra le cime, non sono tuoni. Il fragore delle bombe austriache scuote anche chi è rimasto nei villaggi, mille metri più in basso. Questa guerra mi ha tolto tutto, lasciandomi solo la paura. Mi ha tolto il tempo di prendermi cura di mio padre malato, il tempo di leggere i libri che riempiono la mia casa. Mi ha tolto il futuro, soffocandomi in un presente di povertà e terrore. Ma lassù hanno bisogno di me, di noi, e noi rispondiamo alla chiamata.

Pagine:«12345678910...50»