Ott 20, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Un uomo

 

unuomo

Primo libro della Fallaci per me. Devo dire che è una scrittrice pazzesca e scrive in un modo davvero superbo. Il libro in sè, a parte l’elogio, dopo la metà diventa un pesante poichè si sofferma parecchio sempre sulle stesse cose. Però non si può non apprezzare lo stile e il coinvolgimento personale gli dà quel tocco di autenticità che rende questo libro speciale.

 

Condannato a morte infinite volte, era stato graziato infinite volte; torturato con barbarie indicibili, aveva resistito senza parlare, senza cedere alle minacce; e intanto la sua fama si era diffusa non soltanto all’interno dei confini greci e il regime non riusciva a trovare uno stratagemma per eliminarlo senza destar sospetti nell’opinione pubblica. È così che Alekos Panagulis, diventato ormai il paladino della resistenza greca, si era trasformato in un vero e proprio eroe del suo popolo.

Ott 7, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

stranocaso

Molto divertente e anche molto credibile, anche questa è una lettura di poche pagine, molto piacevoli. Per riflettere anche un poco, perché no.

Questo è un giallo diverso da tutti gli altri. L’investigatore è Christopher Boone, ha quindici anni e soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo. Christopher ha un rapporto molto problematico con il mondo. Capisce tutto di matematica e pochissimo degli esseri umani

Ott 6, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello

cappello

Non vi metto la descrizione stavolta perché non ne trovo una che mi soddisfa. Questo è un libro di casi clinici raccontati al neurologo Sacks. Io credo nella relazione tra malattia fisica e psichica, ma mi dissocio completamente da chi pende in modo assoluto nella dimensione psichica. Sacks qui ci dice che non si può prescindere dalla storia personale di ogni individuo. Che per la parte psichica bisogna fare un percorso individuale, che non si può generalizzare il problema/sintomo come fanno invece altri nomi in voga in questo periodo. Questo lo credo fermamente anche io e spero che la medicina vada in questa direzione. Io per primo ho scelto di fare un percorso personale di terapia farmaceutica ma anche psicologica, cercando il giusto equilibrio e non perdendo tempo a farmi inutili domande “sull’universo”.

Ott 6, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Cronaca di una morte annunciata

cronaca

E’ un romanzo breve pertanto non avete nessuna scusa per non leggere questo piccolo capolavoro di Marquez che è uno dei miei preferiti. Imperdibile per ha il gusto della lettura.

Santiago Nasar morirà. I gemelli Vicario hanno già affilato i loro coltelli nel negozio di Faustino Santos. A Manaure, “villaggio bruciato dal sale dei Caraibi”, lo sanno tutti: presto i fratelli della bella quanto svanita Ángela vendicheranno l’onore di quella verginità rubatale in modo misterioso dall’aitante Santiago, ricco rampollo della locale colonia araba. Tutti lo sanno, ma nessuno fa alcunché per impedirlo: non la madre della vittima designata, non il parroco, non l’alcalde, neppure una delle numerose fanciulle che spasimano per il Nasar.

Giu 21, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Tempo di seconda mano

tempodisecondamano

Questo libro è una raccolta di interviste ed è un libro corposo, pertanto non è un romanzo, ma una specie di enciclopedia vivente del post-URSS. Il linguaggio è semplice e scorrevole, anche se è doveroso conoscere qualche breve nozione di storia sovietica. Come in poche righe l’autrice è capace di cogliere l’identità delle persone è quasi miracoloso. Un pezzo di storia che consiglio a chi sa apprezzare questo tipo di lettura. Il punto di vista è molto diverso da quello che abbiamo colto a suo tempo (almeno io nella mia tenera età) dalle informazioni dei media.

“Per me non è tanto importante che tu scriva quello che ti ho raccontato, ma che andando via ti volti a guardare la mia casetta, e non una ma due volte”. Così si è rivolta a Svetlana Aleksievič, congedandosi da lei sulla soglia della sua chata, quella contadina bielorussa. La speranza di avere affidato il racconto della sua vita a qualcuno capace di vero ascolto non poteva essere meglio riposta. Far raccontare a donne e uomini, protagonisti e vittime e carnefici, un dramma corale, quello delle “piccole persone” coinvolte dalla Grande Utopia comunista, che ha squassato la storia dell’URSS-Russia per settant’anni e fino a oggi, è il cuore del lavoro letterario di Svetlana Aleksievič.

Mag 20, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: In questo piccolo mondo

inquestopiccolomondo

Un Dick lontano dalla fantascienza, funziona? In qualche modo sì, dato che il libro si fa leggere fino alla sua conclusione. I personaggi sono credibili, ma non si capisce se l’intento è affrescare l’America anni ’50 o esaminare le dinamiche di coppia. Voto 6.

Due famiglie si incontrano nella California del dopoguerra. Roger e Virginiasono in crisi, lui è indeciso e instabile, lei una donna determinata e severa,mentre Chic e Liz Bonner sono molto diversi, un uomo d’affari convenzionale eall’antica e una donna sensuale e sognante.

Mag 20, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: BAOL Una tranquilla notte di regime

BAOL-copia

Fantastico. Questo è il Benni che mi piace. Quello che gioca con l’italiano, che mi fa ridere, che mi fa rammaricare quando sono già all’ultima pagina. Se volete conoscere perchè questo autore è diventato uno tra i più amati (a mio parere) questo è uno dei libri giusti. Lasciatevi trasportare da queste pagine. 

Uno strano personaggio, un po’ Marlowe un po’ mago, titolare di una delle più antiche magie del mondo, passa le notti tra nostalgie e sbronze colossali al bar Apocalypso. Poi l’avventura: il mago Baol torna a combattere contro i grandi gerarchi per una missione che è insieme un atto di riconoscenza per un vecchio grande comico in disgrazia e un viaggio misterioso nel segreto della magia baol.

 

Apr 15, 2016 - Libri    1 Comment

Ho letto: David Copperfield

davidcopperfield

Fantastico, meraviglioso. Non l’avrei mai detto, erano anni ormai che avevo il libro a disposizione ma non l’avevo mai aperto, forse dissuaso dal numero di pagine che è rilevante. Un classico da non perdere. I personaggi sono incredibili e la scrittura è incantevole, vi consiglio di non approfondire la trama prima di leggerlo, sarà una bella scoperta. Imperdibile!

 

David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba.

Mar 29, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Aristotele e il giavellotto fatale

Aristotele-e-il-giavellotto-fatale

Ho trovato delle buone recensioni ed in effetti è stata una lettura divertente. Un romanzo breve per un’ora di piacevole lettura, immersi in un’atmosfera atipica per un “giallo”.

Aristotele e Stefanos sono in visita al liceo dell’amico Arcandro, a trovare Meno, il fratello di un allievo del filosofo. Arrivati sul posto fanno la conoscenza di due padri dei ragazzi al Ginnasio: uno è Lisimaco, ex-scalpellino, padre di Sogene, di cui è orgogliosissimo; l’altro è Turibolo, membro di una nobile famiglia ateniese, padre di Milziade.

Mar 29, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Una storia semplice

 

unastoriasem

Ho scelto alcuni romanzi brevi, scegliendo da classifiche varie su Internet. Questo è il primo. E’ stata un’ora passata piacevolmente. Nulla di più, ecco. Ma il fatto che sia ispirato ad un fatto vero lo ha reso interessante.

Il telefonista di una stazione di polizia, la sera del 18 marzo alle 21:37, riceve una telefonata di un uomo che chiede di poter parlare col questore. Egli annota:
« L’ora e il nome della persona che telefonava, un certo Giorgio Roccella. Aveva una voce educata, calma, suadente. “Come tutti i folli” pensò il telefonista. »

Pagine:«12345678...29»