Apr 28, 2021 - Libri    No Comments

Ho letto: Il pane perduto

pane

La vita dell’autrice non è oggetto di commento, ma se devo dare un’opinione sul libro in quanto opera letteraria non l’ho apprezzato molto. Vi consiglio il più lucido La memoria rende liberi per approfondire gli stessi temi.  Cambiando aguzzini, un libro particolare e struggente è Avevano spento anche la luna (Russia). Oppure,  per non dimenticare i campi di concentramento ancora in attività  Fuga dal campo 14 (Corea del Nord). Opere di più ampio respiro ma che toccano il tema sono  Il ritorno (Libia) e Sono corso verso il Nilo (Egitto).

Per non dimenticare e per non far dimenticare, Edith Bruck, a sessant’anni dal suo primo libro, sorvola sulle ali della memoria eterna i propri passi, scalza e felice con poco come durante l’infanzia, con zoccoli di legno per le quattro stagioni, sul suolo della Polonia di Auschwitz e nella Germania seminata di campi di concentramento. Miracolosamente sopravvissuta con il sostegno della sorella più grande Judit, ricomincia l’odissea. Il tentativo di vivere, ma dove, come, con chi?

Ho letto: Il pane perdutoultima modifica: 2021-04-28T09:24:39+02:00da mauroartico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento