Apr 19, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: I grandi perchè dell’era nucleare

nucle0.JPGQuesto è il primo di tre libri sul nucleare che ho preso, 2 contro e 1 a favore (ma quello a favore è bello grosso!).  E’ abbastanza tecnico e l’autore denuncia insieme alla sua associazione di medici e UGO FACCHINI, CESARE BRUNI (gli autori dei testi universitari che probabilmente avete avuto anche voi sotto mano se avete fatto materie scientifiche) i danni delle emissioni radioattive che fuoriescono senza sosta dalle quasi 500 centrali nucleari attive nel mondo, concentrandosi soprattutto sull’Italia. Presenta alcuni dati, ma fa anche alcune ipotesi interessanti su cui i politicanti non vogliono approfondire….

Piogge alluvionali acide persistenti, Eutrofizzazione dei mari, Escalation del cancro, il buco dell’Ozono, Terremoti, tsunami, Dieta naturale … cancerogena, Desertificazioni, incendi, Global warming e deglaciazione, Veneto sott’acqua…possono essere ricondotti, almeno in parte, alla radioattività emessa nell’ambiente negli anni del “boom” nucleare…Presentato come “opera degna di alta segnalazione” dal Prof. Med. MARCO BALLARINO, Coordinatore dell’Autorità Sanitaria Locale di Besana Brianza.

Apr 12, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: The Dome

dome.jpg Riprovo Stephen King dopo anni (mi aveva un po’ stufato, dopo l’entusiasmo dell’adolescenza) e ritrovo in questo libro una rinnovata avidità di leggere una storia avvincente e misteriosa…e anche abbastanza lunga (1000 pag.). E fin qui tutto bene…ma ahimè nel finale crolla il palco…un finale veramente che mi fa cadere le braccia…bocciato in pieno! Un gran peccato però, per quelle due o tre pagine…!!

Durante una mattina di Ottobre, su Chester’s Mill, nel Maine, cala un cilindro trasparente, tranciando tutto cioò che si trova lungo il suo perimetro, proprio come una ghigliottina. Aerei e macchine vanno a sbattere contro questo muro invisibile, morendo sul colpo. Tutta la cittadina, che conta circa duemila abitanti, si trova isolata dal resto del mondo. La prima vittima a morire è la moglie del primo consigliere, Claudette Sanders, che stava facendo un volo in aeroplano, assieme al suo istruttore di volo. La prima persona ad accorgersi di questo “muro” è un ex-marine, Dale Barbara, soprannominato Barbie, che si trova suo malgrado intrappolato in questo cilindro, che poi verrà chiamato da tutti la Cupola. Si mobilita subito per trovare una via d’uscita, ma capisce che è tutto vano…

Mar 25, 2010 - Libri    1 Comment

Ho letto: l’eleganza del riccio

riccio.jpg All’inizio…curioso…poi…coivolgente…alla fine emozionante. E’ proprio un bel libro, lo consiglio. La forma è elegante e quindi non è proprio un romanzo da ombrellone. Ci vuole silenzio e calma. La mia frase preferita è: “il rosa sulla professoressa Maigre è un po’ come la marmellata sul maiale”.

Parigi, rue de Grenelle numero 7. Un elegante palazzo abitato da famiglie dell’alta borghesia. Ci vivono ministri, burocrati, maitres à penser della cultura culinaria. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Niente di strano, dunque. Tranne il fatto che, all’insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta che adora l’arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese.  Poi c’è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita…

Mar 23, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: Luna

luna.JPG

Questo bel librone (cm 25.5 X 27) mi è arrivato in regalo per aver rinnovato l’abbonamento al National Geographic. Un bel tomo per la mia libreria.

La Luna ha sempre detenuto un posto speciale nella nostra fantasia. Si tratta infatti del corpo più grande e mutevole del cielo notturno, che ha svolto un ruolo fondamentale nelle leggende, per la religione e la scienza. La prima parte di questo volume esamina i numerosi misteri e significati associati alla Luna, la seconda parte passa in rassegna la corsa per la conquista della Luna, mentre la terza sezione, “Missione compiuta”, presenta il resoconto particolareggiato, ricco di straordinarie fotografie, del programma Apollo, quello che ha consentito di realizzare l’antico sogno umano di raggiungerla. La parte finale fornisce i fatti geologici essenziali, incluse le mappe lunari.

Mar 16, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: Tito di Gormenghast

tito.jpgScritto in un modo sublime, talmente raffinato però che a 100 pagine dalla fine è risultato un po’ pesante. Anche perchè il ritmo è volutamente lento e nella trama non c’è granchè. Si capisce che Mervyn Peake è prima di tutto un poesta e il libro resta comunque un’opera di altissimo pregio. Prendere gli altri due capitoli della saga? Mmhhmm, per ora no…per quanto meriti un 9 come voto d’opera letteraria.

È Gormenghast, un immane castello, che nessuno dei suoi abitatori ha percorso in tutti i suoi anfratti. Un tempo, doveva essere pieno di tinte squillanti: ora è un intreccio di crepe, e le tinte sfumano fra grigio, verde lichene, rosa antico e argento. Vi incontriamo esseri disparati: un nobile melanconico e saturnino, settantaseiesimo conte di Gormenghast, che è il reggitore del luogo; sua moglie, avvolta in una nube di gatti bianchi; la figlia, selvatica e sognante fra giocattoli vecchi, libri e pezze di stoffa; dignitari di cartapecora, dalle gambe di ragno, custodi di un ordine ormai inaridito; orripilanti figuri che sovraintendono alle cucine; giovani acrimoniosi, che covano la rivolta. Ma c’è qualcosa che unisce questi personaggi: il loro corpo e la loro psiche sono una concrezione del castello – così come il castello è una concrezione del loro essere. Nessuna vita è per loro concepibile al di fuori di quei corridoi di pietra, di quei saloni, di quelle torri, di quei solai. La natura non esiste, se non come riflesso del castello, dove la polvere è polline: perché Gormenghast è tutto. La nascita di un erede maschio, Tito di Gormenghast, «rampollo della stirpe delle pietre, acqua del fiume senza fine», porterà una minaccia di cambiamento, per il solo fatto di essere qualcosa di nuovo.

Feb 18, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: il libro di tutte le cose

illibrodituttelecose.jpgGuus Kuijer (Salani, 94 pagine)

Questo libro è un vero e proprio gioiello se siete appassionati di letterattura per ragazzi. Ottimo anche per gli adulti, dato che il tema non è poi così banale… Si legge in una sera, ma io l’ho trovato davvero fantastico. Infatti ha ricevuti i milgiori premi letterari in Olanda. Mi è davvero piaciuto parecchio, bravissimo l’autore a vedere il mondo attraverso gli occhi di un bambino.

Thomas ha un padre severo e violento, che crede in un Dio rigido e crudele e non ammette la lettura di altri libri oltre la Bibbia. Ma Thomas ha un segreto: vede cose che nessun altro (o quasi riesce a vedere). Soprattutto Thomas ha un sogno: vuole diventare “felice”. E come dice una vicina di casa che tutti considerano una strega, il segreto è smettere di non avere paura. E voler diventare felice è, se non altro, un buon inizio.

Feb 16, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: La principessa di ghiaccio

lackberg_cover_small-thumb.jpg

Devo dire che questo libro è stato intrigante, ha un buon ritmo e riesce a mantenere la curiosità fino all’ultima pagina. Ovviamente, non è Larsson…è tutto molto più acerbo, ma nel complesso un giallo moderno di buona qualità. Probabilmente Larsson mi aveva fatto affezionare all’ambientazione svedese e quindi questo libro mi è andato subito a genio. Se siete apassionati di gialli, è una buona lettura.

Considerata l’erede di Stieg Larsson, Camilla Läckberg stupisce il pubblico svedese con questo suo ultimo lavoro, da brivido.

La casa era deserta, vuota. Il gelo penetrava in ogni recesso. Nella vasca si era formata una sottile pellicola di ghiaccio, e lei aveva cominciato ad assumere un aspetto leggermente bluastro. Gli parve che somigliasse a una principessa, lì stesa. Una principessa di ghiaccio.

Feb 10, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: Schiavi contemporanei

schiavi.gif

Leggere questo libro non è stato facile..difficile dimenticare ciò che si legge. Le esperienze di questi giornalisti andrebbero valorizzate di più. Anche l’Italia non si salva da questo problema, come ho letto sul libro BILAL di Gatti.

Nel mondo del Terzo millennio non ci sono più le piantagioni di cotone con i sorveglianti a cavallo, i campi di concentramento nazisti, i gulag sovietici. Non vi è alcuna ideologia favorevole allo schiavismo, né alcuna nazione in cui sia lecito. Eppure mai come oggi ci sono stati nel mondo tanti schiavi: quasi trenta milioni di individui, soprattutto donne e bambini. Questo saggio, basato su una rigorosa inchiesta durata cinque anni, racconta le storie, gli uomini, le rotte della schiavitù contemporanea. Schiavi ed ex-schiavi, trafficanti e chi cerca di combatterli prendono la parola in queste pagine per raccontare la loro vicenda: dai minatori indiani alle bambine haitiane usate come domestiche e concubine; dal Sudan sconvolto dalle guerre etniche e religiose all’Est europeo, fonte inesauribile di schiave del sesso, passando per i civilissimi Stati Uniti. Il risultato è un libro di forte impatto, pieno di testimonianze sconvolgenti sul crimine più antico e odioso.

Vedi anche: http://mauroartico.myblog.it/archive/2008/10/24/ho-letto-bilal.html

Feb 4, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: Sacramentum Caritatis

sacramentum_caritatis.jpg Senza l’Eucaristia un cristiano non può vivere, scrive Benedetto XVI. In essa “il Signore si fa cibo per l’uomo affamato di verità e di libertà”. Con il dovere che ne deriva anche in campo politico: dare “pubblica testimonianza della propria fede”

Feb 4, 2010 - Libri    No Comments

Ho letto: LA RESPONSABILITA’ SOCIALE D’IMPRESA

24ore.jpeg BEDA ALESSANDRO – BODO RUGGERO
STRUMENTI E STRATEGIE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELL’ECONOMIA AGGIORNATO CON 24 NUOVI CASI DI

Che cos’è la responsabilità sociale e quale il ruolo a cui sono chiamate, oggi, le imprese? Cosa significa essere socialmente responsabili e quali i benefici per le imprese? Cosa deve sapere un manager che voglia essere aggiornato sulle più recenti esperienze in tema di responsabilità sociale? Quale è il rapporto corretto con gli stakeholder per migliorare il valore sociale dell’impresa? Come costruire un’iniziativa di marketing sociale di successo? Perché solo poche imprese italiane sono elencate nei fondi di investimento etici? Quale è la più aggiornata disciplina fiscale degli investimenti aziendali nel sociale? A queste e ad altre domande manager e gli operatori del sociale troveranno una risposta in questo volume che, dopo il successo della prima edizione, si propone come il punto di riferimento più aggiornato su un tema di grande attualità: la responsabilità sociale delle imprese come strumento di competitività dell’impresa. Gli autori entrano nel merito degli strumenti e delle strategie per avere successo in un mercato sempre più competitivo, proprio nel momento storico in cui l’attenzione delle imprese è tutta concentrata sulla sfida per l’innovazione e la crescita. Il volume una ricca ed esclusiva rassegna di esempi concreti, case histories e testimonianze di successo di gestione socialmente responsabile offrendo una visione a 360° di questa realtà.