Giu 21, 2016 - Libri    No Comments

Ho letto: Tempo di seconda mano

tempodisecondamano

Questo libro è una raccolta di interviste ed è un libro corposo, pertanto non è un romanzo, ma una specie di enciclopedia vivente del post-URSS. Il linguaggio è semplice e scorrevole, anche se è doveroso conoscere qualche breve nozione di storia sovietica. Come in poche righe l’autrice è capace di cogliere l’identità delle persone è quasi miracoloso. Un pezzo di storia che consiglio a chi sa apprezzare questo tipo di lettura. Il punto di vista è molto diverso da quello che abbiamo colto a suo tempo (almeno io nella mia tenera età) dalle informazioni dei media.

“Per me non è tanto importante che tu scriva quello che ti ho raccontato, ma che andando via ti volti a guardare la mia casetta, e non una ma due volte”. Così si è rivolta a Svetlana Aleksievič, congedandosi da lei sulla soglia della sua chata, quella contadina bielorussa. La speranza di avere affidato il racconto della sua vita a qualcuno capace di vero ascolto non poteva essere meglio riposta. Far raccontare a donne e uomini, protagonisti e vittime e carnefici, un dramma corale, quello delle “piccole persone” coinvolte dalla Grande Utopia comunista, che ha squassato la storia dell’URSS-Russia per settant’anni e fino a oggi, è il cuore del lavoro letterario di Svetlana Aleksievič.

Ho letto: Tempo di seconda manoultima modifica: 2016-06-21T11:08:46+00:00da mauroartico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento